in

Xiaomi si lancia nella corsa all’auto elettrica

Xiaomi
Xiaomi

Il produttore di smartphone e dispositivi elettronici Xiaomi è diventato mercoledì 1 settembre l’ultima azienda cinese a lanciarsi ufficialmente nel settore automobilistico, con l’annuncio della creazione di una filiale dedicata. Numero due al mondo per gli smartphone, Xiaomi produce anche tablet touch, orologi connessi, cuffie, monopattini e persino monopattini. Con sede a Pechino, il gruppo ora progetterà veicoli elettrici.

La società “Xiaomi Auto è stata ufficialmente registrata [questo] 1 settembre”, ha dichiarato il CEO del gruppo Lei Jun sul suo account Weibo. La società ha un capitale di 10 miliardi di dollari, ha detto. A testimonianza dell’importanza data dal gruppo a questa nuova attività, Lei Jun aveva personalmente avviato nel mese di luglio l’assunzione di 500 ingegneri in Cina. Non è stata fornita alcuna data di commercializzazione.

Ad aprile, il CEO di Xiaomi ha indicato che il primo modello del marchio sarebbe probabilmente “una berlina o un SUV”. I veicoli di nuova energia (ibridi, elettrici, fuel cell) stanno vivendo una forte crescita in Cina, Paese leader in questo campo, grazie in particolare a una popolazione ultra connessa e a una politica di incentivi da parte delle autorità.

I produttori nazionali ed esteri fanno a gara per approfittare di questo sbocco. E Xiaomi non è di gran lunga la prima azienda cinese ad avventurarsi in questo settore. Diversi stanno riscontrando un rinnovato interesse da parte degli investitori, ad esempio con i gruppi XPeng e Li Auto, quotati in borsa lo scorso anno negli Stati Uniti ma quotati anche a Hong Kong.

Xiaomi
Xiaomi

Ti potrebbe interessare: Xiaomi in trattative per l’acquisto dell’ex Saab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.