in

Renault: stop agli ordini per elettriche e ibride plug-in

La casa francese deve fare i conti con gli effetti della crisi dei chip e della guerra in Ucraina

Renault

È un momento difficile per Renault. La casa francese deve fare i conti con diverse problematiche che stanno rallentando le attività dell’azienda, costretta a più riprese ad interrompere la produzione e bloccare gli ordini di alcuni modelli. Gli ultimi aggiornamenti sulle attività di Renault sono chiari. La casa francese ha stoppato gli ordini per le auto elettriche e per le ibride plug-in della sua gamma. Lo stop è a tempo indeterminato e sarà necessario attendere nuove comunicazioni sulla questione per saperne di più. Ecco cosa sta succedendo:

Bloccati gli ordini delle elettriche e delle ibride plug-in di Renault

A bloccare le attività produttive di Renault sono vari problemi. C’è la crisi dei chip che causa un ridotto approvvigionamento di semiconduttori necessari al completamento dell’assemblaggio delle vetture. Contestualmente ci sono gli effetti della guerra in Ucraina con l’impossibilità di accedere ai componenti dei veicoli realizzati in Ucraina. Renault, inoltre, ha anche annunciato un blocco per la produzione in Russia nei giorni scorsi.

Per il momento, la casa francese si occuperà esclusivamente di evadere gli ordini già arrivati nelle scorse settimane per le sue elettriche, che la best seller Renault Zoe, e la Renault Megane E-Tech che registrerà ritardi nell’avvio della produzione con le vendite che ufficialmente potrebbero partire soltanto nel corso del prossimo mese di giugno.

Renault Megane E-Tech

Al momento, non c’è ancora un calendario preciso per la ripresa delle attività produttive. La raccolta degli ordini per elettriche e ibride di Renault potrebbe riprendere nelle prossime settimane, tra la fine di aprile e il mese di maggio. Molto dipenderà dall’evoluzione delle questioni geopolitiche, che impattano direttamente sulle attività produttive dell’azienda, e dalla crisi dei chip.

Lo stop agli ordini, inoltre, influenzerà anche i risultati di vendita di Renault nel corso delle prossime settimane. La casa francese sembra essere tra le aziende più colpite dall’emergenza in corso. Pur non essendo l’unica azienda costretta a interrompere gli ordini per alcuni modelli, i problemi di Renault sembrano essere maggiori con il blocco completo delle vendite dei modelli plug-in che inevitabilmente avrà effetti sui risultati complessivi.

Leggi anche: Volkswagen ID.5: mancano i componenti, il lancio è rinviato